• Smagliature gravidanza rosse

    La gravidanza è una delle fasi più intense e complesse della vita di una donna. Nei fatidici nove mesi, sono in gioco diverse emozioni contrastanti e senza dubbio, molte donne vivono questo periodo co

    Le smagliature in gravidanza si possono concentrare sull’addome ed in genere, se sono al primo stadio della formazione si presentano sotto forma di smagliature rosse.

    La forte tensione a cui è sottoposta la pelle in questi mesi, mette a dura prova l’elasticità della pelle, facendo aumentare il rischio di comparsa di questi inestetismi. La pelle tendendosi durante la gravidanza, può subire una lacerazione delle fibre dei tessuti connettivi dell’area addominale e assottigliandosi, la cute cambia colore assumendo le caratteristiche “strisce”. Le striae distensae in gravidanza rosse sono quindi abbastanza comuni, ma se trattate accuratamente, si possono attenuare ed eliminare.

    Smagliature gravidanza rosse quando compaiono

    La comparsa delle striae distensae può essere legata a fattori genetici. Anche per questo la prevenzione è fondamentale per contrastarne la comparsa durante la gravidanza e se i soggetti sono a rischio, perché predisposti geneticamente, è ancora più importante intervenire preventivamente con i giusti rimedi.

    Smagliature gravidanza rosse: quando escono? Quando le fibre proteiche della pelle in tensione si lacerano, provocando piccoli solchi sottocutanei.

    Nella prima fase, detta infiammatoria, la pelle si assottiglia lasciando intravedere il tessuto sottocutaneo, e le striature hanno un colore rosso-violaceo. In questo primo stadio, le striae distensae si possono trattare più facilmente, poiché sono cicatrici ancora “giovani”. Una volta cicatrizzate definitivamente diventano invece bianche, e sono molto più difficili da curare.

    Smagliature gravidanza rosse come eliminarle

    Smagliature gravidanza rosse cosa usare? Le smagliature gravidanza si possono trattare efficacemente con l’uso di creme elasticizzanti e oli vegetali naturali.

    L'applicazione è consigliabile sin dalle prime settimane di gravidanza e la frequenza dell’applicazione di questi rimedi naturali è soggettiva e può dipendere da diversi fattori:

    • L’addome può gonfiarsi e tendersi con tempi e volumi diversi, che variano da donna a donna;
    • Si deve inoltre tener conto delle diverse caratteristiche della cute, che possono essere diverse da persona a persona, non sempre la cura indicata per una persona funziona altrettanto bene per un'altra;
    • La predisposizione genetica sicuramente influisce sulla fragilità della pelle, comportando una maggiore attenzione da parte dei soggetti.

    Indicativamente, durante i primi mesi della gestazione, l’applicazione della crema o dell’olio può essere di una volta al giorno, mentre nei mesi successivi l’applicazione va ripetuta più volte. Si consiglia un trattamento intensivo dopo i primi sei mesi della gravidanza.

    La crema deve essere massaggiata sulle aree problematiche fino a completo assorbimento e può essere alternata con oli da massaggio come l'olio di mandorle dolci. Il trattamento va eseguito in maniera continuativa non solo durante i mesi della gravidanza ma si consiglia il proseguimento almeno fino a che non si è acquisito il proprio peso forma ideale dopo il parto e l'allattamento.

    Smagliature gravidanza rosse rimedi

    I rimedi naturali da usare sia durante che dopo la gravidanza sono molteplici e la loro efficacia dipende molto dalla tempestività con cui si procede al trattamento. I rimedi naturali più comuni sono:

    • olio di mandorle dolci;
    • burro di karitè;
    • aloe vera;
    • olio di argan.

    Il prodotto deve essere scelto in base all'entità della striatura e alla sua fase di progressione. L'applicazione può essere estesa su tutte le zone generalmente soggette a questo inestetismo durante la gravidanza, come seno, braccia, fianchi e glutei.

    Le creme da utilizzare durante la gravidanza devono essere ricche di vitamine E ed oli vegetali naturali. Si sconsiglia l'uso di creme a base di tretoina, ritenuta non sicura durante la gravidanza.

    Le soluzioni per le smagliature post parto sono in genere più problematiche. Nel caso in cui le striae distensae formate durante la gravidanza non siano state curate, è possibile ricorrere al trattamento laser, che stimola la produzione di elastina e collagene, fondamentali proteine dei tessuti connettivi. La terapia laser può essere un valido rimedio per i tessutie già cicatrizzati.

    La microdermoambrasione rimuove lo strato superiore della pelle e può ridurre la comparsa degli inestetismi post parto.

    Per questi interventi più invasivi è sempre altamente consigliabile il consulto con un medico specialista, il quale saprà guidarvi nella scelta del trattamento più idoneo.

    comments powered by Disqus